Terna e RTR rinnovano la partnership nel fotovoltaico con un accordo pluriennale per il servizio di O&M

Roma e Rovereto, 3 maggio 2018

Terna, l’operatore di reti per la trasmissione dell’energia elettrica in Italia, e RTR, leader indipendente del fotovoltaico italiano, annunciano la firma di un accordo pluriennale che estende la già collaudata collaborazione tra le due aziende, focalizzata in particolare sull’attività di O&M (Operation and Maintenance).

Terna, primo operatore di reti in Europa e tra i principali al mondo con oltre 72.000 km di linee gestite in Italia, punta a cogliere le opportunità di business derivanti dall’innovazione tecnologica e dal percorso di transizione in atto nel settore dell’energia.

RTR, il più grande consolidatore del fotovoltaico italiano, con 334 MW installati è il primo operatore indipendente del Paese e quello con la maggiore presenza sul territorio: possiede, infatti, 134 impianti di varie dimensioni, distribuiti capillarmente in oltre cento municipalità, dal Friuli alla Sicilia.

L’accordo è il frutto di una visione condivisa delle prospettive di sviluppo e della gestione ottimale del fotovoltaico in Italia, che sta davvero entrando in una nuova eracommenta Ingmar Wilhelm, Chairman e CEO di RTR. “Siamo molto soddisfatti del livello di professionalità, della qualità dei servizi e dell’attenzione alla sicurezza offerti da Terna nella parte Operations & Maintenance dei nostri impianti. Perciò siamo molto contenti di prolungare quest’importante partnership con Terna che, tra l’altro, ci permetterà di indirizzare insieme nuovi progetti in modo molto flessibile” conclude Wilhelm.

Siamo molto soddisfatti del rinnovo degli accordi di collaborazione con RTR, l’operatore cresciuto attorno ai grandi progetti di sviluppo fotovoltaico avviati proprio da Terna alcuni anni fadichiara Luigi Ferraris, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna. “Anche questa iniziativa rientra nel nostro obiettivo di accompagnare lo sviluppo delle rinnovabili e favorirne la completa integrazione nel sistema elettrico”.

 

L’accordo sarà efficace una volta avverate le condizioni sospensive previste.

2018-05-07T14:03:49+00:00 7 Mag 2018|Comunicati Stampa|